Ognuno di noi ha, immagino, un periodo storico che lo affascina più degli altri. In cui, in qualche modo, sente di stare "a casa". Per me (Monica) quel periodo è il medioevo. Un po' come Umberto Eco quando diceva che il mondo lo conosceva attraverso la televisione mentre del medioevo aveva una conoscenza diretta. E non solo per mio percorso di studi. Fare la guida turistica in una regione come l'Umbria significa stare a diretto contatto con il medioevo praticamente ad ogni visita guidata. Ecco perché mi arrabbio sempre un po' quando le persone che accompagno associano il medioevo ad un epoca "oscura". E per dimostrarvi che nel medioevo non erano tutti così tristi e depressi vi mostro questi bellissimi bassorilievi. Si trovano a Spoleto, proprio sul portale principale del Duomo. Un suonatore di violino e un acrobata, che si inerpicano tra i tralci di vite e i mille animali simbolici che li popolano. Come a dire che la salita al cielo è difficile e piena di ostacoli ma a Dio non dispiace un po' di musica e di allegria. Per ricordarci, anche in un contesto così ufficiale, che la musica e l'allegria sono degne compagne di vita. Vi sembra ancora un'epoca buia?
Alla prossima!


Volete conoscere l'Umbria? Sul nostro sito trovate molte proposte di itinerari in cui possiamo farvi da guide, ed eventi organizzati da noi  www.giteinumbria.it


Commenti

Post popolari in questo blog

La Domus di Scilla nell'Antiquarium di Gubbio

Il trono papale della Basilica Superiore di Assisi

Lungo l'antica via Flaminia